Riforma dello Sport, 60 milioni di euro in più per le federazioni

15 luglio 2019

A sei mesi dall’entrata in vigore della Riforma dello Sport, si registra un incremento di 60 milioni di euro, da destinarsi ai maggiori trasferimenti alle federazioni sportive. Un risultato straordinario evidenziato dalle parole del Sottosegretario con delega allo sport, Giancarlo Giorgetti: “Dopo appena sei mesi, registriamo gli straordinari effetti della Riforma dello Sport che abbiamo voluto fortemente. La macchina messa in moto sta andando nella giusta direzione e grazie alle novità introdotte, il sistema sportivo italiano ha a disposizione oggi 60 milioni di euro in più, un aumento di risorse del 15% circa rispetto a quanto inizialmente preventivato”.

In questo quadro, grazie al meccanismo di autofinanziamento introdotto dalla Riforma dello Sport 2018, è stato possibile generare maggiori risorse per il sistema sportivo italiano, nella misura del 15% in più circa rispetto a quanto originariamente stimato per il 2019. Le risorse per lo sport passano così da 408 a 468 milioni di euro.

La Riforma si prefiggeva, tra i diversi obiettivi, quello di assicurare risorse certe, e maggiori, allo sport e agli organismi sportivi, introducendo un meccanismo automatico di finanziamento.

In particolare, alla soglia minima di trasferimenti annui dallo Stato, fissati con legge in 408 milioni di euro, si è aggiunta la rimodulazione alla luce delle effettive entrate fiscali generate dal settore dello sport sulla base del parametro del 32% previsto per legge: maggiore il gettito d’imposta per lo Stato, maggiori di anno in anno saranno i proventi per il sistema sportivo.

Giorgetti , Riforma dello Sport , Sport , federazioni
Torna all'inizio del contenuto